Mo, me lo segno!

E lunghi funerali lentamente

senza tamburi sfilano né musica

dentro l'anima: vinta, la Speranza

piange, e l'atroce Angoscia sul mio cranio

pianta, despota, il suo vessillo nero.